Termini Dialettali

   Welcome to Scanno - L'Aquila - Abruzzi - Italy - "The Pearl of Abruzzo"

Home / Mappa Portale di Scanno / Come Arrivare a Scanno / Scanno si presenta / Scheda di Scanno / Cenni Storici su Scanno / Monumenti e siti artistici / Tradizioni e Cultura / Artigianato Locale / Prodotti Tipici / Dintorni di Scanno / Galleria Immagini / Cartoline dal passato / Suoni e colori di Scanno / Scanno: curiosità / Attrazioni Turistiche / Eventi e Manifestazioni / Alberghi e Hotels a Scanno / Ristoranti a Scanno / Appartamenti in affitto-Lodge / Numeri Pubblica Utilità / Esercizi Commerciali Scanno / Links / Notizie e Novità / Le Vostre Foto Ricordo / Scannesi nel mondo / Recensioni di Scanno.org / Motori di Ricerca / Ricerca Informazioni / Commenti / Richiesta Informazioni / Ringraziamenti

     Precedente Home Su Successiva 

E-mail: info@scanno.org - © 2001-2009 - Il Portale di Scanno (AQ) - Abruzzo - Italia

 

 

Comune di Scanno

 

 

 

 

 

Autolinee Regionali

Pubbliche Abruzzesi

 

Password per il Turismo nel

Mezzogiorno

 

 

 

Tipiche Case Scannesi

 

 

Scanno in autunno

 

 

scanno_case_01.jpg (79778 byte)

La Casa - ambiente d'altri tempi

 

 

 

Scanno d'altri tempi

 

 

 

 

Il Lago

 

 

 

 

 

 

Curiosità a Scanno

 

 

 

• Home •
• Mappa Portale di Scanno •
• Come Arrivare a Scanno •
• Scanno si presenta •
• Scheda di Scanno •
• Cenni Storici su Scanno •
• Monumenti e siti artistici •
• Tradizioni e Cultura •
• Artigianato Locale •
• Prodotti Tipici •
• Dintorni di Scanno •
• Galleria Immagini •
• Cartoline dal passato •
• Suoni e colori di Scanno •
• Scanno: curiosità •
• Attrazioni Turistiche •
• Eventi e Manifestazioni •
• Alberghi e Hotels a Scanno •
• Ristoranti a Scanno •
• Appartamenti in affitto-Lodge •
• Numeri Pubblica Utilità •
• Esercizi Commerciali Scanno •
• Links •
• Notizie e Novità •
• Le Vostre Foto Ricordo •
• Scannesi nel mondo •
• Recensioni di Scanno.org •
• Motori di Ricerca •
• Ricerca Informazioni •
• Commenti •
• Richiesta Informazioni •
• Ringraziamenti •

 

 

Previsioni Meteo

su Scanno

 

 

 

 

 

 

 

 

E-Government

Regione Abruzzo

 

 

 

Rete della Cultura Abruzzese

 

 

 

Sistema Museale Telematico Regione Abruzzo

 

 

 

 

 

 

 

Abruzzo è Appennino

 

 

 

Norme in Rete

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Energia Sostenibile per L'Europa

 

 

 

 

 

 

 

Monumenti e Siti Artistici

 

 

 

I Portali dei Palazzi di Scanno

 

 

 

Il Dialetto di Scanno

 

 

 

Tradizioni e Cultura

 

 

 

Le Fontane di Scanno

 

Eventi e Manifestazioni

 

 

 

Scanno_dei_fotografi_poster.jpg (104631 byte)

Scanno dei Fotografi

 

 

 

Pubblicità anni '50 /60 Enit

 

 

I termini dialettali Scannesi

Il Dialetto di Scanno...

courtesy by: http://www.scuolevalledelsagittario.it/SCANNO/dialetto.htm

 

 

Sul piano linguistico Scanno si differenzia da tutti i centri dell’entroterra abruzzese per un dialetto ricchissimo di vocaboli che spesso risultano di difficile traduzione in lingua.

L’inflessione, la pronuncia hanno delle caratteristiche specifiche che non trovano riscontro in altre zone. In particolare si ravvisa una prevalenza di suoni cupi e della vocale “u” che testimonia come il vernacolo scannese si sia mantenuto molto fedele al latino:

Allucche (adloquor) = grido

Alluche (ad locum) = lì

Ju (illud) = quello

Stu (istud) = codesto

Sono moltissimi gli esempi che si possono citare per confermare questa fedeltà al latino.

Tuttavia Scanno, che faceva parte del Regno di Napoli, ha subito nel passato innumerevoli invasioni (Normanni, Longobardi, Svevi, Aragonesi, Angioini, Asburgo, Borboni) che hanno inciso notevolmente nell’evoluzione linguistica.

D’altro canto il contatto con i paesi della Magna Grecia, determinato dalla transumanza, ha favorito l’ingresso nel vocabolario dialettale di termini di indubbia origine greca:

Carafocce (cheir–foveo) = tasche

Leuma (lalema) = loquacità

Ntruosche (enterecos) = intestino

Spara (sub–baros ) = cercine (di stoffa o di paglia)

Ufane (eu faino) = vanitoso

Uié (uiòs) = figlio

Zito (zugos) = sposo

Sono termini derivati dalla Grecia.

Ma la lingua che più di tutte ha inciso sul vernacolo scannese, sia nella pronuncia che nella terminologia, è il francese, per effetto del lungo periodo della dominazione angioina. Accanto all’articolo determinativo “ju” (il) è frequentissimo l’uso di “le” con la “e” finale muta o vocale indistinta di chiara origine francese. Questa vocale indistinta la ritroviamo nel singolare di molti termini (pane, vine, case…).

Il pronome personale di prima e seconda persona plurale si pronuncia “nu” e “vu” esattamente come i termini francesi. Rinveniamo in molti vocaboli l’uso della “l mouillèe” (famija, fija, paija…). Col tempo il dittongo “au” ha cominciato a pronunciarsi “o”. Peraltro numerosi termini sono di chiara origine francese:

Accattà (acheter)= comprare

Appellà (appeler)= chiamare

Armoire (armoire)= armadio

Cambra (chambre)= camera

Ceracia (cerise)= ciliegia

Ciufielle (sifflet)= fischietto

Gravara (gravier)= detriti

Jemeie (jamais)= non sia mai

Laura (laurier)= alloro

Cocca (coq)= gallo

Maccature (mouchoir)= fazzoletto

Quadrija (quadrille)= ballo

Reveije (reveiller)= svegliare

Ruella (rue)= vicolo

Ruva (rue)= vicolo

Salvietta (serviette)= salvietta

Travaije (travail)= lavoro

Tuletta (toilette)= toletta

Vuccula (boucle)= gancio di ferro

 

Molti termini dialettali si differenziano completamente dai corrispondenti termini in lingua e non presentano alcuna affinità con essi nella radice o nel tema.

Sono termini “unici” della lingua scannese e, per la maggior parte, sono attinenti alla pastorizia, all’ambiente domestico, al costume, alle tradizioni, all’alimentazione, alla religione, all’architettura.

Attraverso un loro attento esame è possibile cogliere preziose informazioni sulla cultura scannese, comprenderne le caratteristiche e la specificità. In particolare, come è possibile rilevare dagli elenchi che seguono, è stata la cultura agro-silvo-pastorale a dare il massimo contributo alla creazione del patrimonio linguistico.

 

 

Voci del mondo agro-silvo-pastorale:

Abbafà = abbeverare

Acquasale = pane bagnato con olio e sale

Aine = agnello

Angene = bastone di legno

Ardeca = ortica

Ballature = attrezzo per l’imballaggio

Batafischie = bastone di legno

Bucche = tascapane

Caccave = grande caldaia

Camarda = pecora vecchia

Camastra = catena di legno

Capemuzze = ceppo

Carusà = tosare

Caruse = luogo per la tosatura

Casciere = pastore che fa il formaggio

Casone = rifugio

Cecora = cicoria

Chioppe = scarponi

Ciallella = verdura di montagna e pane bagnato

Ciavarra = pecora di un anno

Cioccare = ciocco

Cuoppe = grosso mestolo

Cutture = paiuolo – pentola di rame

Fellata = pecora di due anni

Frescella = cestello per il formaggio

Grasciatare = grembiule in pelle per la mungitura

Jacce = stazzo

Jaccule = filimento

Jerva = erba

Mandra = recinto dell’ovile

Massare = dirigente

Mierche = marchio

Morra = branco

Mugneture = recinto per la mungitura

Orape = spinacio selvatico

Paijare = fienile

Panecuotte = pancotto

Pastora = laccio

Piesule = cavalletti di legno

Posta = luogo di sosta

Pulcione = giubba in pelle

Pulone = grande vasca

Quaijata = giuncata

Recuttale = cestello per la ricotta

Rumbeture = attrezzo per rompere il formaggio

Saparchia = grosso cucchiaio

Sarrecchia = falce

Scamazze = pastorello

Scaraiazze = tettoia

Schite = pane senza condimento

Sciuscielle = pane e uova bolliti

Soma = carico

Spunzata = agnellino cotto nel paiuolo

Sterpa = pecora sterile

Strangunera = gambale di pelle

Stuppele = turacciolo

Tragne = secchiello

Trazzera = sentiero per le pecore

Tumbagne = piano di legno per lavorare il formaggio

Uorte = orto

Varda = basto

Veceta = avvicendamento delle colture

Vecicchia = carne essiccata di pecora

Voltarecchia = aratro

Vrigne = mangiatoia per i maiali

Vuccula = gancio di ferro

Vuttare = buttero

Zuppettone = lesso con brodo

 

 

Voci dell'abbigliamento, della tintoria, della lana e dell'arte orafa:

Anche l’abbigliamento, soprattutto per l’unicità del costume muliebre, ha contribuito ad arricchire il vernacolo scannese. Il costume, infatti, consta di molteplici elementi , ognuno dei quali ha un suo nome specifico. Peraltro ad esso fanno capo molte attività come l’arte della tintoria e della lana e o la stessa arte orafa caratterizzata dalla produzione di gioielli finalizzati a rendere più attraente e decorato l’abito femminile.

Azzullaije = abbottonare

Cappellitte = copricapo

Carafoccia = tasca della gonna

Cauze = pantaloni

Centrine = cinturino

Cerceije = orecchini

Cerluotte = pantofole

Chezette ferrate = calze ferrate

Cicirchieta = anello

Coppola = berretto

Cummudine = corpetto

Fasciature = fascia di seta

Gammatta = gomitolo

Lappe = lembo

Mandera = manto,grembiule

Ndrappa = panno pregiato

Pedera = bordo inferiore della gonna

Pepusce = pantofole

Presentosa = spilla

Pulcione = giubbotto

Scarsella = tasca

Scherfuore = pantofole

Sciala = cravatta

Scolla = merletto

Spingula = spilla

Strangunere = gambali di pelle

Tocca = pezzo di tela dura

Viulitte = piccolo velo

Zenale = grembiule

Zimba = panno tessuto a mano

 

 

Voci riferite ad usi, costumi, tradizioni e ambiente domestico:

Scanno è al centro dell’attenzione di molti studiosi (antropologi, sociologi…) per il ricco patrimonio di usi, costumi e tradizioni antichissime di cui spesso è difficile comprenderne il significato, individuare l’origine.

Era inevitabile che il dialetto risentisse della ricchezza di questo patrimonio arricchito di vocaboli riferiti all’uso domestico.

Abbe = meraviglia

Affedé = promettere fedeltà

Appennesella = serenata

Asena bandasema = fantasma

Cannata = brocca

Cantalone = nenia funebre

Casurielle = salvadanaio

Catenacce = corteo nuziale

Ciappetta = molla

Ciucculattera = caffettiera

Cruvella = macinagrano

Cummite = scampagnata

Cunsuole = consolo

Cuppine = mestolo

Cutture = pentola

Fajenza = stoffa

Fazzatora = tavola per impastare

Fressaura = friggitrice

Furcina = forchetta

Gloria = falo’

Granara = scopa

Mammara = ostetrica

Maniere = mestolo

Mazzamarielle = folletto

Mensale = tovaglia

Mesa = madia

Mesera = maschera

Murtale = mortaio

‘Ncanata = canto dei mietitori

Panarda = matrimonio concordato

Portazecchine = portafoglio

Priezzula = piccola sedia

Pumpunare = fantasma

Puntunera = consolle

Ranocchia = stufa

Rettrella = culla

Sanza = madrina

Sanzane = mediatore

Saparchia = cucchiaio di legno

Sgummarielle = colapasta

Spartenza = partenza

Striella = tavola sottile

Struvulapenne = strofinapanni

Vezzina = fuliggine

Zita = sposa

Zite = sposa

Il paese di Scanno appare agli occhi del visitatore come un piccolo presepe. Le case si addossano l’una all’altra quasi vogliano sostenersi a vicenda o difendersi dai rigori del freddo invernale. Ha un’architettura ricchissima che risente di vari stili architettonici e in particolar modo del barocco. Molte sono le case signorili, i portali, le chiese, le fontane che si armonizzano con le dimore della gente comune. Anche in questo caso si è registrato un influsso sul dialetto scannese che presenta, a tal riguardo, termini di particolare interesse.

 

Voci dell'Architettura:

Arruoije = orologio

Cambra = camera

Cellarella = piccolo vano

Cemausa = scalinata esterna

Curnone = angolo

Cuttrille = cortile

Fuorchie = porcile

Guccitte = botola

Macerina = muretto a secco

Peteca = bottega

Pingeche = tegola

Purtone = portone

Ruella = vicolo

Paijare = fienile

Saittera = feritoia

Scanafischia = fessura

Spuorte = supporto

Suttana = cantina

Tambelature = soffitto

Vuccula = gancio di ferro

Zucculature = battente

 

La maggior parte dei vocaboli è, ovviamente, riconducibile ad una tematica specifica. Appartengono al discorrere quotidiano e spesso presentano caratteristiche semantiche di difficile interpretazione.

Molti di essi attengono all’oggettistica ed hanno una loro specificità che potrebbe essere oggetto di accurate indagini etimologiche.

 

Termini Vari:

A capaballe = sotto

A capammonde = sopra

Abbotta = gonfia

Abbretè = avvolgere

Accattà = comprare

Acchetugnà = malmenare

Acciuccarse = chinarsi

Acciuite = appagato

Addumane = domani

Aerta = alta

Aità = cullare

Alla segreduna = all’improvviso

Allanganate = vinto

Alluccà = urlare

Alluche = là

Ammuccarse = cadere

Andò = dove

Appettata = salita

Apprezzà = scagliare

Ardeca = ortica

Arrecchià = ascoltare

Attidie = pensieri

Azzullaije = abbottonare

Azzuppà = cadere

Bandoni = lamiere di ferro

Candone = gradino

Canna = gola

Cannaruozze = gola

Capà = scegliere – entrare

Capellà = più in là

Carafelle = bolle

Cavuta = buca

Cavutà = bucare

Ceccia = getto d’acqua

Cellarella = sgabuzzino

Celugne = schizzinoso

Cercua = quercia

Chela = parecchi

Chennerine = corde vocali

Chiacchielle = fanfarone

Chiuorte = storto

Chivielle = nessuno

Cialefone = disordinato

Cicceche = pensiero fisso

Cieca = poco

Cieciula = pancia

Cioccare = legna grossa

Ciufielle = fischietto

Ciumme = rialzo

Ciurle = capelli

Cizza = bambina

Costa = salita

Cubbelle = niente

Cucivule = garbato

Cucumaija = ardere senza fiamma

Cummite = scampagnata

Cunucella = rivolo d’acqua

Ecc’afore = qua fuori

Ecc’avendre = qua dentro

Ecche = qua

Ecchiele = occhiali

Entresatta = improvviso

Fatijè = lavorare

Fetarole = galline

Frijluse = freddoloso

Fronna = foglia

Frucetta = strumento di ferro

Fruospe = fiammifero

Frustune = mortificato

Furrune = precipitosamente

Gemeje = giammai

Grascia = abbondanza

Guccetta = botola

Irsene = andarsene

Jamme = andiamo

Jettà la varda = arrabbiarsi

Jozza = rifiuti

Lasca = larga

Leccamusse = schiaffo

Leste = velocemente

Lota = immondizia

Mbonne = bagnare

Mbranato = impacciato

Mpiastre = ragazzo

Mafine = schiaffo

Mammara = ostetrica

Mammocce = ragazzino

Mandemane = questa mattina

Mappene = schiaffo

Massera = sera

Mazzamarielle = folletto

Mazzitte = batacchio

Mesera = maschera

Muccule = muco

Munachelle = fuocherelli

Mundunare = immondezzaio

Munnà = scopare

Munnezza = immondizia

Muzzette = misura di grano

Ndrumiente = nel frattempo

Ngialifà = imbrattare

Nserrà = chiudere

Na’nzegna = poco

Nasca = adorato

Naticchia = asticella di legno

Ndurtielle = oggetto di fantasia

Necciuole = erba commestibile

Nennille = bambino

Nesengluocche = pianta commestibile

Nieste = presto, subito – a sufficienza

Ntarassusiè = non sia mai

Nusca = muschio

Nzulfanite = arrabbiato

Paccute = spesso, doppio

Pallante = sasso levigato

Papambane = papavero

Patana = bernoccolo

Pecchiete = pazzo

Pelleccione = sudata

Pentarella = maculata

Pepetigne = smanie

Pescrè = dopodomani

Pijà = ardere

Pingiche = tegola

Portazecchine = portafoglio

Pumpunare = fantasma

Pute pute = calmo calmo

Quatrà = ragazzo (quattro anni)

Rabboità = fare bufera

Rammure = spegnere

Rasora = rasoio

Rattuocchele = pettegolezzo – discorso

Refana = mucchio di neve

Reija = rabbia

Rende rende = vicino vicino

Restoccia = stoppia

Retrangule = ostacolo

Retrescene = raganella

Riella = righello

Rucetta = lucertola

Sanzane = mediatore

Sarrecchia = falce

Satulle = sazio

Sauze = pianta commestibile che nasce sulle pietre

Scanafischia = fessura

Scapelè = liberare

Scarapingeche = pipistrello

Scengeneta = disordinata

Schiamà = sgolarsi

Schiariche = schiappe

Schiuffà = sbattere violentemente

Scicche = gustoso

Scierte = deviatore d’acqua

Sciuppà = scippare – togliere con violenza

Sciurtà = allontanare – finire

Scoppola = schiaffo

Scorta = finita

Scorzeca = corteccia

Scrierse = allontanarsi, scomparire

Scrujazze = frusta

Scrupetille = cespuglio

Serra = altura

Spartenza = separazione

Spicce = libero

Stemperielle = stinchi

Stramussà = cadere

Strennechè = stendere

Stuppele = turacciolo

Suca = corda

Sulagna = canicola

Suleche = solco

Taccare = bastone

Torza = fascio di legna

Trettechè = agitare

Tuppanara = talpa

Turture = bastone per picchiare

Uaione = ragazzo

Uappe = vanitoso

Uatte uatte = silenzioso

Ufane = vanitoso

Uié = oh Dio!

Vallanza = confidenza

Vanna = parte, luogo

Varichitto = valle chiusa

Vatte = battere

Vava = saliva

Vavarella = acquolina

Ventura = sorte, destino

Veteche = salice

Vrevuttà = borbottare

Vrucecà = mischiare

Vuccalone = ciarlone

Zellose = permaloso

Zeppetta = mento

Zirille = pigne

Zumpà = saltare

a cura di: http://www.scuolevalledelsagittario.it/SCANNO/dialetto.htm

 

Disegni realizzati dagli allievi delle Scuole di Scanno:

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

           

           

           

           

 

a cura di: http://www.scuolevalledelsagittario.it/SCANNO/dialetto.htm

 

Un ringraziamento di cuore a questi Allievi ed ai loro "pazienti" e bravi Insegnanti per il magnifico e prezioso lavoro svolto. Lo Staff di Scanno.org

 

 

 

Provincia de L'Aquila

 

 

 

 

Regione Abruzzo

 

 

 

Lago di Scanno - Bandiera Blu Fee Italia dal 2004 al 2007 

 

 

 

Investire nel cuore d'Italia

 

 

Tipiche Case Scannesi

 

 

Scanno in primavera

 

 

scanno_stazzo_02.jpg (113858 byte)

Lo Stazzo - ambiente d'altri tempi

 

 

 

L'Orso a Scanno

 

 

 

La Montagna

 

 

 

 

 

Suoni e Colori di Scanno

 

 

• Home •
• Mappa Portale di Scanno •
• Come Arrivare a Scanno •
• Scanno si presenta •
• Scheda di Scanno •
• Cenni Storici su Scanno •
• Monumenti e siti artistici •
• Tradizioni e Cultura •
• Artigianato Locale •
• Prodotti Tipici •
• Dintorni di Scanno •
• Galleria Immagini •
• Cartoline dal passato •
• Suoni e colori di Scanno •
• Scanno: curiosità •
• Attrazioni Turistiche •
• Eventi e Manifestazioni •
• Alberghi e Hotels a Scanno •
• Ristoranti a Scanno •
• Appartamenti in affitto-Lodge •
• Numeri Pubblica Utilità •
• Esercizi Commerciali Scanno •
• Links •
• Notizie e Novità •
• Le Vostre Foto Ricordo •
• Scannesi nel mondo •
• Recensioni di Scanno.org •
• Motori di Ricerca •
• Ricerca Informazioni •
• Commenti •
• Richiesta Informazioni •
• Ringraziamenti •

 

Previsioni Meteo

su Scanno

 

 

 

 

 

Agenzia Regionale Tutela Ambiente

 

 

 

 

 

ARSSA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Osservatorio Regionale

della Montagna Abruzzese

 

 

 

 

Regione Abruzzo per l'Ambiente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Chiese di Scanno

 

 

 

I Palazzi di Scanno

 

 

 

Il Costume Muliebre di Scanno

 

 

 

gioielli_g_fronterotta_02.jpg (56785 byte)

Artigianato di Scanno

 

 

 

Archi e Logge di Scanno

 

 

 

Dintorni di Scanno

 

 

 

Mostra di Hilde Lotz Bauer

 

 

 

Attrazioni Turistiche

 

 

 

Home / Mappa Portale di Scanno / Come Arrivare a Scanno / Scanno si presenta / Scheda di Scanno / Cenni Storici su Scanno / Monumenti e siti artistici / Tradizioni e Cultura / Artigianato Locale / Prodotti Tipici / Dintorni di Scanno / Galleria Immagini / Cartoline dal passato / Suoni e colori di Scanno / Scanno: curiosità / Attrazioni Turistiche / Eventi e Manifestazioni / Alberghi e Hotels a Scanno / Ristoranti a Scanno / Appartamenti in affitto-Lodge / Numeri Pubblica Utilità / Esercizi Commerciali Scanno / Links / Notizie e Novità / Le Vostre Foto Ricordo / Scannesi nel mondo / Recensioni di Scanno.org / Motori di Ricerca / Ricerca Informazioni / Commenti / Richiesta Informazioni / Ringraziamenti

Welcome to Italy

 

Scanno (AQ) - Abruzzi - Italy

scanno_logo_turistico.jpg (13726 byte)

© 2001-2009  www.scanno.org - All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati

Tutti i loghi o i marchi presenti nel sito appartengono ai legittimi proprietari e sono coperti da © copyright

Webmaster:  postmaster@scanno.org

Aggiornato il: 09 giugno 2009

Il sito è ottimizzato per una visione a 1024 x 768 pixel. E' supportato da tutti i maggiori browser.