Artigianato Locale

   Welcome to Scanno - L'Aquila - Abruzzi - Italy - "The Pearl of Abruzzo"

Home / Mappa Portale di Scanno / Come Arrivare a Scanno / Scanno si presenta / Scheda di Scanno / Cenni Storici su Scanno / Monumenti e siti artistici / Tradizioni e Cultura / Artigianato Locale / Prodotti Tipici / Dintorni di Scanno / Galleria Immagini / Cartoline dal passato / Suoni e colori di Scanno / Scanno: curiosità / Attrazioni Turistiche / Eventi e Manifestazioni / Alberghi e Hotels a Scanno / Ristoranti a Scanno / Appartamenti in affitto-Lodge / Numeri Pubblica Utilità / Esercizi Commerciali Scanno / Links / Notizie e Novità / Le Vostre Foto Ricordo / Scannesi nel mondo / Recensioni di Scanno.org / Motori di Ricerca / Ricerca Informazioni / Commenti / Richiesta Informazioni / Ringraziamenti

     Precedente Home Successiva 

E-mail: info@scanno.org - © 2001-2008 - Il Portale di Scanno (AQ) - Abruzzo - Italia

 

 

Comune di Scanno

 

 

 

 

 

Autolinee Regionali

Pubbliche Abruzzesi

 

Password per il Turismo nel

Mezzogiorno

 

 

 

Tipiche Case Scannesi

 

 

Scanno in autunno

 

 

scanno_case_01.jpg (79778 byte)

La Casa - ambiente d'altri tempi

 

 

 

Scanno d'altri tempi

 

 

 

 

Il Lago

 

 

 

 

 

 

Curiosità a Scanno

 

 

 

• Home •
• Mappa Portale di Scanno •
• Come Arrivare a Scanno •
• Scanno si presenta •
• Scheda di Scanno •
• Cenni Storici su Scanno •
• Monumenti e siti artistici •
• Tradizioni e Cultura •
• Artigianato Locale •
• Prodotti Tipici •
• Dintorni di Scanno •
• Galleria Immagini •
• Cartoline dal passato •
• Suoni e colori di Scanno •
• Scanno: curiosità •
• Attrazioni Turistiche •
• Eventi e Manifestazioni •
• Alberghi e Hotels a Scanno •
• Ristoranti a Scanno •
• Appartamenti in affitto-Lodge •
• Numeri Pubblica Utilità •
• Esercizi Commerciali Scanno •
• Links •
• Notizie e Novità •
• Le Vostre Foto Ricordo •
• Scannesi nel mondo •
• Recensioni di Scanno.org •
• Motori di Ricerca •
• Ricerca Informazioni •
• Commenti •
• Richiesta Informazioni •
• Ringraziamenti •

 

 

Previsioni Meteo

su Scanno

 

 

 

 

 

 

 

E-Government

Regione Abruzzo

 

 

 

Rete della Cultura Abruzzese

 

 

 

Sistema Museale Telematico Regione Abruzzo

 

 

 

 

 

 

 

Abruzzo è Appennino

 

 

 

Norme in Rete

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Energia Sostenibile per L'Europa

 

 

 

 

 

 

 

Monumenti e Siti Artistici

 

 

 

I Portali dei Palazzi di Scanno

 

 

 

Il Dialetto di Scanno

 

 

 

Tradizioni e Cultura

 

 

 

Le Fontane di Scanno

 

Eventi e Manifestazioni

 

 

 

Scanno_dei_fotografi_poster.jpg (104631 byte)

Scanno dei Fotografi

 

 

 

Pubblicità anni '50 /60 Enit

 

 

L'Artigianato di Scanno

L’arte orafa che fiorì in Scanno, ha origini molto antiche, esistono infatti residui di medaglione del XVI secolo, riproducenti da una parte il sol levante e dall’ altra le tre lettere dell’ostia J.H.S. con i tre chiodi al di sotto, che avvalorano tale tesi.
Era tradizione che San Benedetto da Siena, durante la predicazione nella chiesa di San Rocco in Scanno, mostrasse due tavolette aventi le medesime riproduzioni delle medaglie.

Si lavoravano porta profumi raffiguranti vasetti di fiori, cestini, sirene, tabacchiere finemente cesellate, ciondoli per bambini, in dialetto chiamati travaglie.

Anche oggi è fiorente l’artigianato orafo. Tale lavorazione si effettua con l’osso di seppia che serve da stampo e col bulino o incisore, specie di coltellino atto ad incidere e raffigurare.
C’è anche la lavorazione che si effettua senza stampo ma con la modellazione a mano.

A Scanno prestano la loro opera  molti orafi che ancora tramandano di generazione in generazione l'antica arte dei loro avi.

Vi presentiamo una rassegna delle fini lavorazioni fini effettuate da alcuni dei più conosciuti artigiani operanti a Scanno:

 

gioielli_g_fronterotta_01.jpg (59505 byte)    gioielli_g_fronterotta_02.jpg (56785 byte)    gioielli_g_fronterotta_03.jpg (37946 byte)    gioielli_g_fronterotta_04.jpg (37312 byte)

Maestri Orafi Famiglia Fronterotta

lavorazioni effettuate dall' Orafo Gigi Fronterotta, dalla omonima famiglia di Maestri Orafi.

 

 

bottega_di_rienzo_02.jpg (32861 byte)    bottega_di_rienzo_03.jpg (22684 byte)    bottega_di_rienzo_04.jpg (36260 byte)    bottega_di_rienzo_05.jpg (27909 byte)

Maestri Orafi Famiglia Di Rienzo

...altre lavorazioni tipiche di Scanno di un'altrettanto figlio d'arte di Maestri Orafi della famiglia Di Rienzo: Armando Di Rienzo.

Quest'antica famiglia di Scanno conserva ancora nel proprio laboratorio  memoria storica degli attrezzi ed utensili usati dagli artigiani orafi antenati dell'attuale dinastia dei Di Rienzo.

 

L'arte orafa della famiglia Rotolo nasce a Scanno nella seconda metà dell'Ottocento. Inserendosi nella tradizione artigianale abruzzese tende a riprodurre nelle sue creazioni motivi floreali e sacri. Nell'elaborazione dei modelli si rintraccia una particolare attenzione all'originalità ed alla raffinatezza ottenendo come risultato gioielli di qualità e di sicuro gusto estetico

orafi_rotolo_01.jpg (30913 byte)    orafi_rotolo_02.jpg (29906 byte)    orafi_rotolo_03.jpg (20781 byte)

Maestri Orafi Famiglia Rotolo (...dal 1884)

depliant delle lavorazioni tipiche dei Maestri Orafi Rotolo - Francesco Rotolo

Sito web: http://www.orafirotolo.it 

 

L'arte del Tombolo

approfondimento: Merletti e Ricami al Tombolo

Famosi e caratteristici sono i lavori di ricami al tombolo (merletti) o all'uncinetto (coperte e centri), che si tramandano di generazione in generazione, attraverso specifici corsi, organizzati da volontari che operano all’interno dell’asilo comunale gestito da suore.

scanno_costumi_tombolo.jpg (13880 byte)

donne in costume al tombolo

Tale lavorazione viene ancora oggi praticata dalle donne locali che con veloci ed abilissime mani, elaborano un vorticoso intreccio di bastoncini che darà vita a meravigliosi merletti a  volte applicati anche sulle lenzuola del corredo. 

Durante la stagione estiva è possibile ammirare le donne di Scanno che, sedute sulle scale dei tipici vicoletti del paese, sono intente nella lavorazione al tombolo: un'immagine, questa, davvero suggestiva.

courtesy by:http://digilander.iol.it/aroundscanno/home.htm

lavorazione al tombolo ai giorni nostri

Per saperne di più sui ricami e merletti tipici di Scanno visitate la sezione Arte e Cultura di questo stesso sito web e la sezione di approfondimento: Merletti e Ricami al Tombolo

vintage_scanno.jpg (16989 byte)

foto d'epoca di donne che lavorano al tombolo

 

La presentazione di un interessante libro sull'arte del merletto

 

lavorazione al tombolo odierna

 

 

Le bamboline di Scanno (in edizione limitata)

bambole_scanno.jpg (53567 byte)

Le bamboline, statuette in argento e oro, sono la rappresentazione fedelissima dell'antico costume femminile scannese. 

Possono essere acquistate a Scanno rivolgendosi direttamente al suo ideatore Sig. Umberto Gavita, un giovane imprenditore scannese:

Gavita Umberto - 67038 Scanno (AQ) - Viale Del Lago, 190

Tel. 0864-747194

 

ANTICHE TRADIZIONI:

La lavorazione della lana

scanno_08.jpg (82554 byte)

Le industrie

In Scanno fiorirono le industrie della lavorazione della lana e della tintoria fino a che ebbe notevole sviluppo l'industria armentaria.

Quando intorno al 1870 essa incominciò a decadere si ebbe una notevolissima diminuzione dell'attività industriale. Attualmente queste industrie sono quasi del tutto scomparse. La mancanza della produzione della lana e le molteplici esigenze che costrinsero le donne a lasciare il paese vanno determinando anche la scomparsa del tipico costume femminile.

scanno_lavorazione_lana_01.jpg (42025 byte)     

Lavorazione della lana

La lavorazione della lana non era effettuata durante il periodo estivo in cui le greggi dimoravano sulle montagne poiché le donne dovevano coadiuvare i mariti nell'industria armentaria, ma non appena le greggi transumavano dall'Abruzzo nel Tavoliere delle Puglie, le donne riprendevano la lavorazione della lana durante l'autunno e l'inverno; quindi la mano d'opera per la lavorazione della lana era esclusivamente femminile. In ogni famiglia si costituiva un piccolo lanificio; i piccoli solevano scarmigliare la lana, le donne poi la cardavano, la filavano, la ordivano, la tessevano. Gli apparecchi usati erano semplici e di struttura primordiale; dalla cardella alla conocchia, dall'arcolaio all'aspo ed il piccolo telaio a mano che si usa ancora oggi.

I tessuti ottenuti venivano venduti in tutto l'Abruzzo ed anche in regioni lontane, confezionati, o a metraggio nelle fiere primaverili dalle stesse donne. Si racconta per tradizione che una comitiva di donne recatisi in epoche remote a vendere nella fiera di Paliano (in prov. di Frosinone) transitando per Filettino furono rapite da quei cittadini attratti dal costume e dalla loro bellezza. Esse - dice la tradizione - non tornarono più in paese.

La lana che si ricavava dal gregge di proprietà degli scannesi era di un colore scuro e con essa si potevano confezionare vari oggetti per uso domestico: i mantelli a ruota chiamati in dialetto cappe; le uose chiamate strangunére, vestiti, camici ecc.

La lana bianca non si usava nel colore naturale, ma si tingeva.

Le donne erano specializzate in questo ramo e risulta dai documenti che il Re di Napoli, quando fondò il setificio di San Leucio, chiamò come insegnante di tessitura e tintoria tale Colomba Mancinelli, scannese.

scanno_lavorazione_lana_02.jpg (59179 byte)    

La tintoria

L'arte della tintoria si svolgeva mediante procedimenti originali; si traevano i principi attivi per la colorazione tanto dalle piante (foglie, radici e cortecce), quanto dagli insetti, e le sostanze usate erano frutto di preparazione locale.

Solo l'indaco veniva acquistato. Con esso mediante il processo di fermentazione, svolto con i sistemi primordiali, si otteneva il bleu con le gradazioni. Siccome bisognava sciogliere l'indaco con sostanza acida usavano, credendole le migliori per tale uso, sostanze ricche di tannino.

Per ottenere il verde e le gradazioni si tingeva prima la lana o il tessuto con essa ottenuto in bleu e poi si tuffava in una decozione gialla ottenuta dall'ebollizione avvenuta per molte ore di foglie di ornello colte quando non sono indurite, cioè al massimo colte in giugno. Dalla decozione di queste foglie si otteneva il giallo, quindi il tessuto precedentemente tuffato nel bleu, immerso in questa decozione, assumeva la colorazione verde.

Il rosso con le gradazioni si otteneva eseguendo una decozione di radice di robbia (rubbia tinctoria). Per ottenere il rosso scarlatto bisognava immergere il tessuto o la lana nella decozione suddetta con dell'acido. Usavano acido solforico.

Per il rosa invece dell'acido si aggiungeva una soluzione alcalina. Le varie gradazioni si ottenevano mediante la pratica acquistata con il tingere.

La colorazione cremesi si otteneva con la decozione della cinipe purpurea. Le cinipi raccolte in epoca giusta e fatte morire con giusto calore venivano stritolate; la decozione di esse trattata con sostanza alcalina dà le varie gradazioni del cremesi; trattata con acido dava il violetto.

Ottenevano il giallo e gradazioni fino all'avana con decozione di mallo di noci. Le diverse gradazioni si ottenevano a seconda della quantità di mallo usata. Non si usava alcun mordente; si bagnava il tessuto o il filato con alcale. Anche dalla fuliggine si otteneva il giallo, e con l'aggiunta di sostanza acida il nero.

Il nero si otteneva da detriti di ferro con una soluzione di noci di galla, o con corteccia di melograno o cedro.

I colori ottenuti con tali procedimenti rimanevano inalterati anche dopo essere stati lavati e poi asciugati all'aria aperta.

scanno_lavorazione_lana_03.jpg (59915 byte)

Courtesy by : R.Accivile, N.Gualtieri, R.Nannarone 

Scanno - Guida storico-turistica - (Roma, Settembre 1974) - Cap.VI - Le Industrie

 

 

 

 

Da visitare il Museo della Lana (Via Calata San Antonio) descritto anche nella sezione 

Arte e Cultura di questo stesso sito web.

 

 

museo_della_lana_02.jpg (10421 byte)

una sezione del Museo della Lana

 

 

Scanno - Museo della Lana - Apertura:
estate, lunedì, domenica; festivi tutto l'anno 11-13, 17-20.
tel. 0864-74441. oppure
Info allo I.A.T. tel.0864-74317
Ospitato nell'ex Mattatoio, una raccolta di antichi attrezzi dei pastori abruzzesi.

 

http://muvi.org/museodellalana (Museo della Lana - Scanno - MuVi.org)

 

 

I prodotti tipici del territorio...

Abbiamo dedicato una sezione apposita in questo sito web che Vi invitiamo a visitare:

Prodotti Tipici 

 

 

 

 

 

Provincia de L'Aquila

 

 

 

 

Regione Abruzzo

 

 

 

Lago di Scanno - Bandiera Blu Fee Italia dal 2004 al 2007 

 

 

 

Investire nel cuore d'Italia

 

 

Tipiche Case Scannesi

 

 

Scanno in primavera

 

 

scanno_stazzo_02.jpg (113858 byte)

Lo Stazzo - ambiente d'altri tempi

 

 

 

L'Orso a Scanno

 

 

 

La Montagna

 

 

 

 

 

Suoni e Colori di Scanno

 

 

• Home •
• Mappa Portale di Scanno •
• Come Arrivare a Scanno •
• Scanno si presenta •
• Scheda di Scanno •
• Cenni Storici su Scanno •
• Monumenti e siti artistici •
• Tradizioni e Cultura •
• Artigianato Locale •
• Prodotti Tipici •
• Dintorni di Scanno •
• Galleria Immagini •
• Cartoline dal passato •
• Suoni e colori di Scanno •
• Scanno: curiosità •
• Attrazioni Turistiche •
• Eventi e Manifestazioni •
• Alberghi e Hotels a Scanno •
• Ristoranti a Scanno •
• Appartamenti in affitto-Lodge •
• Numeri Pubblica Utilità •
• Esercizi Commerciali Scanno •
• Links •
• Notizie e Novità •
• Le Vostre Foto Ricordo •
• Scannesi nel mondo •
• Recensioni di Scanno.org •
• Motori di Ricerca •
• Ricerca Informazioni •
• Commenti •
• Richiesta Informazioni •
• Ringraziamenti •

 

Previsioni Meteo

su Scanno

 

 

 

 

Agenzia Regionale Tutela Ambiente

 

 

 

 

 

ARSSA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Osservatorio Regionale

della Montagna Abruzzese

 

 

 

 

Regione Abruzzo per l'Ambiente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Chiese di Scanno

 

 

 

I Palazzi di Scanno

 

 

 

Il Costume Muliebre di Scanno

 

 

 

gioielli_g_fronterotta_02.jpg (56785 byte)

Artigianato di Scanno

 

 

 

Archi e Logge di Scanno

 

 

 

Dintorni di Scanno

 

 

 

Mostra di Hilde Lotz Bauer

 

 

 

Attrazioni Turistiche

 

 

 

Home / Mappa Portale di Scanno / Come Arrivare a Scanno / Scanno si presenta / Scheda di Scanno / Cenni Storici su Scanno / Monumenti e siti artistici / Tradizioni e Cultura / Artigianato Locale / Prodotti Tipici / Dintorni di Scanno / Galleria Immagini / Cartoline dal passato / Suoni e colori di Scanno / Scanno: curiosità / Attrazioni Turistiche / Eventi e Manifestazioni / Alberghi e Hotels a Scanno / Ristoranti a Scanno / Appartamenti in affitto-Lodge / Numeri Pubblica Utilità / Esercizi Commerciali Scanno / Links / Notizie e Novità / Le Vostre Foto Ricordo / Scannesi nel mondo / Recensioni di Scanno.org / Motori di Ricerca / Ricerca Informazioni / Commenti / Richiesta Informazioni / Ringraziamenti

Welcome to Italy

 

Scanno (AQ) - Abruzzi - Italy

scanno_logo_turistico.jpg (13726 byte)

© 2001-2008  www.scanno.org - All rights reserved - Tutti i diritti sono riservati

Tutti i loghi o i marchi presenti nel sito appartengono ai legittimi proprietari e sono coperti da © copyright

Webmaster:  postmaster@scanno.org

Aggiornato il: 17 July 2008

Il sito è ottimizzato per una visione a 1024 x 768 pixel. E' supportato da tutti i maggiori browser.